Il Castello Incantato di Filippo Bentivegna è un luogo misterioso e affascinante: centinaia di teste scolpite nella roccia e negli alberi si affollano e si accatastano. Sono i sudditi dello scultore Bentivegna, chiamato “Filippo delle teste” o “Filippo il pazzo” dai suoi compaesani.

Filippo Bentivegna è uno scultore siciliano, considerato dai saccensi un personaggio strano e folle: realizzò un giardino suggestivo, era il suo regno. Infatti, per entrare nel suo podere occorreva essere proclamati cavalieri da lui stesso.

La vita di Filippo Bentivegna

Nato nel 1888 a Sciacca da una famiglia numerosa e di umili origini, il padre era pescatore e la madre casalinga. Nel 1913 andò in America seguendo i suoi fratelli. Qui ebbe un trauma cranico a causa di una bastonata ricevuta in testa, che gli provocò un’amnesia. Tornato in Sicilia, isolato da tutti, nel suo feudo iniziò a scolpire centinaia di teste considerate le teste dei suoi sudditi.

Forme arcaiche e Arte Primitiva: il successo di Bentivegna

Negli anni ’50 lo scoprì il pittore svedese Lilieström che organizzò una mostra con le opere dello scultore Bentivegna. Ma il successo arrivò solo dopo la morte dell’artista, quando le sue opere furono portate in Francia. Nel 1968 un collaboratore dello sculture e pittore Jean Dubuffet, fondatore dell’Art Brut, conobbe le sculture del Castello Incantato d Sciacca. Riuscendo ad avere qualche testa, la portò in dono a Dubuffet.

Quelle teste scolpite dallo scultore Filippo Bentivegna sono oggi esposte al Museo dell’Art Brut di Losanna.

Dal febbraio del 2015 Il Castello dello scultore siciliano è tutelato dalla Soprintendenza di Agrigento ed è stato organizzato uno spazio museale vicino al feudo.

Foto tratte dalla pagina Facebook ufficiale e dal sito del “Castello Incantato di Sciacca

Orari e Contatti

Tutti i giorni: 9.00-13.00, 16.00-19.30

Telefono 320 844 6278

Indirizzo: via Filippo Bentivegna n° 16
92019 Sciacca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui